Home
Damiano per l'Ematologia

LinkLog
 
09/04/2012 - Sezione dedicata all'atruismo dall'American Sociological Association - ALTRUISM, MORALITY, AND SOCIAL SOLIDARITY
29/03/2012 - Videolectures del National Institute of Health - NIH VIDEOCASTING AND PODCASTING
28/03/2012 - Materiale educativo dell'American Society of Pediatric Hematology/Oncology - ASPHO EDUCATION
26/03/2012 - Attività CME dell'Aplastic Anemia&MDS International Foundation - ONLINE LEARNING CENTER
25/03/2012 - Argomenti di oncologia a carattere divulgativo dell'American Cancer Society - LEARN ABOUT CANCER
25/03/2012 - Sito del The Bristol Institute for Transfusion Sciences - BITS/IBGRL
25/03/2012 - Esteso materiale educativo dell'American Society of Hematology - BLOODLINE
25/03/2012 - Corsi on-line del Massachusets Institute of Technology - MIT BIOLOGY

WebLog
 
da Admin (del 12/12/2017 @ 09:31:38, in Bandi e concorsi, linkato 203 volte)

Borsa di Studio “Damiano per l’Ematologia” 2018

Proclamazione del Vincitore



L’autrice del progetto vincitore è la Dr.ssa Martina Ferrante, che svolgerà il suo lavoro presso il Laboratorio di Biologia Molecolare, Ematologia Universitaria I, AOU “Città della Salute e della Scienza di Torino”, Presidio Molinette, Dipartimento di Biotecnologie Molecolari e Scienze della Salute, Università degli Studi di Torino, sotto la supervisione del Dr. Simone Ferrero e della Dr.ssa Daniela Drandi.

Il testo del progetto è il seguente:

a) TITLE

Non invasive diagnostic and monitoring of minimal residual disease in patients affected by Waldenström’s macroglobulinemia


b) INTRODUCTION

Waldenström’s macroglobulinemia (WM) is an infrequent, indolent lymphoplasmacytic lymphoma (LPL) characterized by the accumulation in the bone marrow (BM) of monoclonal lymphocytes, lymphoplasmacytic cells and plasma cells, responsible for monoclonal IgM protein secretion.1

In the last years, MYD88L265P mutation has been identified.2,3 Several studies using different techniques such as Sanger sequencing, polymerase chain reaction (PCR) and allele-specific quantitative PCR (AS-qPCR), on CD19-sorted BM samples, observed that about 90% of WM patients carry the MYD88L265P mutation, while it is present only in 6-10% of patients with marginal zone lymphoma (MZL), in 3-5% of chronic lymphocytic leukemia (CLL) and it is absent in multiple myeloma (MM) and in non-IgM monoclonal gammopathies of uncertain significance (MGUS).4–6 MYD88L265P is now considered a hallmark of WM and it might be helpful in the differential diagnosis with other lymphoproliferative neoplasms with overlapping clinical features, as MM or MZL.1,7 Furthermore, it might represent an ideal marker for minimal residual disease (MRD) monitoring in a disease whose therapeutic scenario is rapidly changing, with many new available and highly effective drugs.8–14

Moreover, MYD88L265P has been demonstrated on CD19-sorted BM samples in 50-80% of patients with IgM MGUS, an asymptomatic phase which represents a pre-neoplastic condition, postulating a possible role in disease progression.4,6,15–17 BM biopsy is mandatory for differential diagnosis between WM and IgM MGUS, but patients with asymptomatic M component do not easily accept to undergo such an invasive, painful and time consuming, surgical procedure. The availability of accurate diagnostic tools on more accessible samples, like peripheral blood (PB) or even urine, could overcome this problem and avoid the potential risk of misclassification of patients. Additionally, the current MYD88L265P ASqPCR method lacks sensitivity (up to 1.00E-03) and thus is not suitable for MRD analysis.4,18 Indeed, ASqPCR is suboptimal for testing specimens like unsorted BM or even PB, that harbors low concentrations of circulating tumor cells (especially after immunochemotherapy), neither to assess cell-free tumor DNA (ctDNA), usually present at very low amount in plasma, as well as in other biological fluids, including liquor and pleural effusion.19,20 Recently, digital PCR has been shown to be a powerful technique that provides improved sensitivity, precision and reproducibility overcoming some of qPCR pitfalls.21,22 The project purpose is the application of a highly sensitive droplet digital PCR (ddPCR) assay for the identification of the MYD88L265P mutation in patients affected by WM, IgM-MGUS or other LPL, suitable for screening and MRD monitoring, also on ctDNA. MRD analysis usually requires bone marrow biopsy but preliminary results show that mutational levels of MYD88L265P in plasmatic ctDNA are comparable to BM levels, so ctDNA analysis might be a promising, less invasive and “patient friendly” alternative both for diagnosis and MRD monitoring in WM patients.


c) AIMS OF THE PROJECT

Starting from the following hypotheses:

- a reliable diagnosis of WM, as well as a discrimination of IgM-MGUS from WM, may be done in clinical setting without the need for invasive procedures, as BM or lymph node biopsy, taking advantage of easy to collect tissues, like PB (for plasma collection) and urine;

- MRD assessment is feasible and predictive of relapse in WM patients receiving therapy, both whether performed on BM and PB samples;

these hypotheses will be tested in 2 Specific Aims:

-Specific Aim 1: to test by MYD88L265P ddPCR paired BM, PB, plasma and urine samples collected at diagnosis of WM and IgM-MGUS, to assess the feasibility of a less invasive diagnostics and of a reliable discrimination between the two entities, possibly identifying the pathogenetic events responsible for disease progression.

- Specific Aim 2: to test MYD88L265P ddPCR as a novel MRD tool on large series of WM patients samples, collected at baseline and after treatment, from multiple, even less invasive, sources (BM, PB, plasma and urine); moreover, as the patients series is fully annotated, to correlate the MRD results with the clinical outcome, to demonstrate the predictive value of this analysis.


d) METHODS

BM, PB and urine samples are being prospectively collected at baseline and during follow-up (FU) from a local series of patients affected by WM, IgM-MGUS and IgG secreting LPL: as of October 2017 paired BM-PB-plasma-urine samples from 35 patients have already been collected. PB samples from 40 healthy subjects and BM samples from 20 MM patients and urine from 20 healthy subjects age-matched will be used as negative controls.

All patients provided written informed consent for the research use of their biological samples, in accordance with Institutional Review Boards requirements, and the Helsinki's declaration.

Genomic (gDNA) from 5x106 cells and cell tumor DNA (ctDNA) from 1 ml of plasma, 1 ml of urine will be extracted by Maxwell automatic system (MaxWell RSC, Promega), following the manufacturer recommendations. Moreover, amount of ctDNA will be evaluated by RnaseP gene.

Mutation detection assay by ddPCR will be performed using a single set of primers combined with two competitive probes, in two assays (CSTM DDPCR HEX/FAM ASSAY BIO-RAD) one for MYD88L265P mutation labeled with FAM and one for MYD88L265P wild type labeled with HEX. ddPCR assay will be performed on the QX100 Droplet Digital PCR system (Bio-Rad Laboratories, Hercules, CA, USA). Briefly, for each replicate, 11 μl of 2X ddPCR Supermix for Probes with no dUTP (Bio-Rad Laboratories), 1.1 μl of each 20X mutation detection assay and 5.5 μl of gDNA (20 ng/μl) or ctDNA were mixed in a total 22 μl reaction volume. Droplets will be generated, by a QX100 droplet generator device, from 20 μl of the reaction mix, and end-point PCR was performed on a T100 Thermal Cycler (Bio-Rad Laboratories) at following conditions: 95°C for 10 minutes, 40 cycles of 94°C for 30 seconds, 55°C for 1 minute followed by 98°C for 10 minutes. Ramp rate was set at 2.5°C/second. PCR products will be loaded into the QX100 droplet reader and analyzed by QuantaSoft v1.6.6.0320 (Bio-Rad Laboratories). Samples will be tested in triplicate and results will be expressed as merge of wells. The cut-off for mutation will be set based on the highest MYD88L265P level detected within the wild type control group. Each experiment will include a known highly mutated positive control sample (MUT 70%), a negative control (healthy donor or MM gDNA) and a no template control (NTC). Gate setting will be performed based on the positive control results.

The associations between categorical variables will be analyzed by the Fisher’ exact test, while the Mann-Whitney and Kruskal-Wallis ones will be used for the inference on continuous variables. All continuous variable results will be expressed as the median (range); ddPCR and ASqPCR results will be expressed as MUT/WT ratio. The interrater agreement on categorical data will be estimated by computing the Fleiss' Kappa index. All reported p-values will be estimated by the 2-sided exact method at the conventional 5% significance level.23

The project will be conducted during a period of 1 year, suitable for the generation of at least solid preliminary results.


e) REFERENCES

1. Swerdlow, S. H. et al. The 2016 revision of the World Health Organization classification of lymphoid neoplasms. Blood 127, 2375–90 (2016).

2. Zhan, C. et al. Conformational dynamics of cancer-associated MyD88-TIR domain mutant L252P (L265P) allosterically tilts the landscape toward homo-dimerization. Protein Eng. Des. Sel. 29, 347–54 (2016).

3. Treon, S. P. et al. MYD88 L265P somatic mutation in Waldenström’s macroglobulinemia. N. Engl. J. Med. 367, 826–33 (2012).

4. Xu, L. et al. MYD88 L265P in Waldenstrom macroglobulinemia, immunoglobulin M monoclonal gammopathy, and other B-cell lymphoproliferative disorders using conventional and quantitative allele-specific polymerase chain reaction. Blood 121, 2051–2058 (2013).

5. Ngo, V. N. et al. Oncogenically active MYD88 mutations in human lymphoma. Nature 470, 115–9 (2011).

6. Varettoni, M. et al. Prevalence and clinical significance of the MYD88 (L265P) somatic mutation in Waldenstrom’s macroglobulinemia and related lymphoid neoplasms. Blood 121, 2522–2528 (2013).

7. Treon, S. P. et al. Somatic mutations in MYD88 and CXCR4 are determinants of clinical presentation and overall survival in Waldenstrom macroglobulinemia. Blood 123, 2791–2796 (2014).

8. Treon, S. P. How I treat Waldenström macroglobulinemia. Blood 114, 2375–85 (2009).

9. Treon, S. P., Xu, L. & Hunter, Z. MYD88 Mutations and Response to Ibrutinib in Waldenström’s Macroglobulinemia. N. Engl. J. Med. 373, 584–586 (2015).

10. Leblond, V. et al. Treatment recommendations from the Eighth International Workshop on Waldenström’s Macroglobulinemia. Blood 128, 1321–8 (2016).

11. Castillo, J. J. et al. Future therapeutic options for patients with Waldenström macroglobulinemia. Best Pract. Res. Clin. Haematol. 29, 206–215 (2016).

12. Abeykoon, J. P., Yanamandra, U. & Kapoor, P. New developments in the management of Waldenström macroglobulinemia. Cancer Manag. Res. 9, 73–83 (2017).

13. Hunter, Z. R. et al. Genomics, Signaling, and Treatment of Waldenström Macroglobulinemia. J. Clin. Oncol. 35, 994–1001 (2017).

14. Tedeschi, A. et al. Bendamustine and rituximab combination is safe and effective as salvage regimen in Waldenström macroglobulinemia. Leuk. Lymphoma 56, 2637–42 (2015).

15. Kyle, R. A. Long-term follow-up of IgM monoclonal gammopathy of undetermined significance. Blood 102, 3759–3764 (2003).

16. Landgren, O. & Staudt, L. MYD88 L265P somatic mutation in IgM MGUS. N. Engl. J. Med. 367, 2255-6-7 (2012).

17. Varettoni, M. et al. MYD88 (L265P) mutation is an independent risk factor for progression in patients with IgM monoclonal gammopathy of undetermined significance. Blood 122, 2284–2285 (2013).

18. Jiménez, C. et al. Detection of MYD88 L265P Mutation by Real-Time Allele-Specific Oligonucleotide Polymerase Chain Reaction. Appl. Immunohistochem. Mol. Morphol. 22, 768–773 (2014).

19. Gustine, J. N. et al. MYD88 mutations can be used to identify malignant pleural effusions in Waldenström macroglobulinaemia. Br. J. Haematol. (2016). doi:10.1111/bjh.14386

20. Komatsubara, K. M. & Sacher, A. G. Circulating Tumor DNA as a Liquid Biopsy: Current Clinical Applications and Future Directions. Oncology (Williston Park). 31, 618–27 (2017).

21. Hindson, B. J. et al. High-throughput droplet digital PCR system for absolute quantitation of DNA copy number. Anal. Chem. 83, 8604–10 (2011).

22. Huggett, J. F. & Whale, A. Digital PCR as a novel technology and its potential implications for molecular diagnostics. Clin. Chem. 59, 1691–3 (2013).

23. Fleiss, J. L., Levin, B. & Paik, M. C. Statistical Methods for Rates and Proportions. (John Wiley & Sons, Inc., 2003). doi:10.1002/0471445428



Giudizio sintetico del Comitato Scientifico:

Parametri

Punti

 

Rilevanza dell’argomento

3

 

Originalità del progetto

5

 

Innovazione

5

 

Metodi

4

 

Riproducibilità e applicabilità dei risultati al trattamento dei pazienti

4

 

Punteggio addizionale

5

 

Punteggio curriculare: 1.27

Punteggio della struttura: 5




 
da Admin (del 06/12/2017 @ 12:01:44, in Bandi e concorsi, linkato 204 volte)

Progetto


Punteggio di merito

Punteggio CV+Struttura

Punteggio finale

Mechanisms of resistance to arsenic trioxide and all-trans retinoic acid in acute promyelocytic leukemia.

20

7.9

27.9

Pre B cell leukemia homeobox 1 (Pbx1) as a novel player in myeloproliferative neoplasms.

21

9.3

30.3

Non invasive diagnostic and monitoring of minimal residual disease in patients affected by Waldenström’s macroglobulinemia.

26

5

31

Next generation biomarkers as new tools for non invasive screening, early diagnosis, assessment of

therapeutic response and follow up in Acute Lymphoblastic Leukemia.

15

6.2

21.2

A RNA interference-based approach for gene therapy of autosomal dominant Glanzmann Thrombasthenia.

Escluso per non aderenza formale del testo ai termini del bando

NV

NV


Il nominativo del vincitore, il testo del progetto, la struttura dove lo realizzerà, il suo tutor e una versione sintetica del giudizio dei revisori saranno pubblicati entro i termini riportati nel bando.


 
da Admin (del 26/11/2017 @ 18:51:01, in Bandi e concorsi, linkato 223 volte)
Il Comitato Scientifico ha comunicato l'esito dell'esame dei progetti presentati al concorso per l'assegnazione della borsa di studio

"Damiano per l'Ematologia" edizione 2018:


Progetto


Punteggio di merito

Mechanisms of resistance to arsenic trioxide and all-trans retinoic acid in acute promyelocytic leukemia.

20

Pre B cell leukemia homeobox 1 (Pbx1) as a novel player in myeloproliferative neoplasms.

21

Non invasive diagnostic and monitoring of minimal residual disease in patients affected by Waldenström’s macroglobulinemia.

26

Next generation biomarkers as new tools for non invasive screening, early diagnosis, assessment of

therapeutic response and follow up in Acute Lymphoblastic Leukemia.

15

A RNA interference-based approach for gene therapy of autosomal dominant Glanzmann Thrombasthenia.

Escluso per non aderenza formale del testo ai termini del bando

 
da Admin (del 02/11/2017 @ 08:59:42, in Bandi e concorsi, linkato 202 volte)
Sono stati ricevuti 5 progetti, tutti rispondenti alle norme redazionali del bando. Il 1 Novembre 2017, gli stessi, numerati progressivamente in base all'ordine di arrivo, sono stati inviati al Comitato Scientifico per la valutazione di merito.

 
da Admin (del 22/09/2017 @ 17:15:22, in Bandi e concorsi, linkato 601 volte)

Bando di Concorso Borsa di Studio 2018


L’Associazione “Damiano per l’Ematologia”, in collaborazione con l’8 per mille della Chiesa Valdese, Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi, bandisce un concorso per l’assegnazione di una borsa di studio di € 20.000 lorde da destinare, nell’anno 2018, ad un giovane laureato in scienze biomediche che proponga e conduca un progetto di ricerca di base o clinica o epidemiologica nel campo dell’Ematologia in una istituzione nazionale. Il candidato deve avere un’età non superiore a 35 anni compiuti entro la data di scadenza del presente bando ed essere in possesso di un diploma in una delle seguenti classi di laurea magistrale: LM-6 (Biologia), LM-9 (Biotecnologie mediche, veterinarie, farmaceutiche), LM-13 (Farmacia e Farmacia Industriale), LM-21 (Ingegneria biomedica), LM-41 (Medicina e Chirurgia). Possono presentare progetti anche candidati che hanno già partecipato a precedenti concorsi indetti da questa Associazione. Condizione dirimente per la partecipazione al concorso è che il progetto non abbia alcun finanziamento da parte di istituzioni profit.

Il candidato deve presentare i seguenti documenti:



  1. Proposta di Progetto: Il progetto della ricerca deve vertere su una o più malattie ematologiche identificate dal MESH database (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/mesh/68006402). L’elaborato dovrà essere redatto in lingua inglese ed organizzato secondo il seguente schema:

a) Title: non usare caratteri grassetto.

b) Introduction: deve esprimere in breve e con chiarezza le evidenze più consolidate sull’argomento nonché il razionale dello studio.

c) Aim(s) of the project: deve esprimere in modo chiaro e conciso gli scopi dello studio, cioè ciò che l’autore vuole ottenere.

d) Methods: deve illustrare dettagliatamente tecniche e procedure.

e) References: solo citazioni bibliografiche richiamate nel testo.

Ciascuna delle sezioni b), d), ed e) dovrà seguire le norme redazionali dell’International Committee of Medical Journal Editors (http://www.icmje.org/recommendations). Il testo va redatto in formato elettronico con Word 2000 o successive versioni, con carattere Calibri 11 normale, interlinea 1, senza correzioni o variazioni delle impostazioni del carattere e del paragrafo, per un massimo di 3 pagine. Il candidato, inoltre, nell’elaborazione del testo deve attenersi a quanto segue: a) non indicare il proprio Nome o il proprio Cognome, b) usare sempre la terza persona per citare nel testo o nelle didascalie di figure e tabelle suoi precedenti lavori, come singolo autore o in collaborazione con altri, c) non citare nel testo o nelle didascalie di figure e tabelle l’Istituzione in cui intende realizzare il progetto o con le quali intende collaborare, d) non usare mai i pronomi o le particelle pronominali o i pronomi possessivi in prima persona, né singolare né plurale. Al termine dell’elaborato il candidato deve riportare il periodo di tempo necessario alla realizzazione del suo progetto. La mancata osservanza di queste norme, a cominciare dai paragrafi dello schema, comporta l’esclusione dal concorso. Il file Word va convertito in file PDF prima dell’invio.

  1. Autocertificazione, così articolata:

a) Nome, Cognome, data e luogo di nascita, indirizzo per l’invio della corrispondenza postale, recapito telefonico, indirizzo e-mail, codice fiscale,

b) dichiarazione sotto la propria responsabilità in base al DPR 445/2000 che:

b1) nell’anno 2018 non avrà, in aggiunta alla borsa di studio dell’Associazione “Damiano per l’Ematologia”, nessuna fonte di reddito, in Italia, sulla base dei titoli, conseguiti o da conseguire, dichiarati in questo concorso, né sarà consulente o ricoprirà qualsiasi carica in istituzioni pubbliche o private italiane o straniere;

b2) è in possesso della cittadinanza italiana,

b3) non ha riportato condanne civili o penali con sentenze passate in giudicato né ha procedimenti civili o penali a suo carico ancora in corso;

b4) la sua ricerca e la sua condotta professionale rispetteranno i principi enunciati dalla World Medical Association nel proprio manuale sull’etica medica https://www.wma.net/what-we-do/education/medical-ethics-manual/

c) Curriculum professionale e formativo redatto in lingua italiana e non in formato europeo, pena esclusione dal concorso. Dovrà essere costituito dai seguenti parametri:

  • Titoli: è obbligatorio indicare in lingua italiana e non con termini stranieri i titoli accademici conseguiti in Italia. Ai fini del concorso verranno considerati i seguenti titoli: laurea triennale, laurea magistrale, specializzazione, dottorato di ricerca. Per ciascuno di essi vanno riportate: la data (giorno/mese/anno) di conseguimento e la votazione finale.

  • Per i titoli di studio conseguiti all’estero va inviata copia del decreto rettorale con cui viene riconosciuta l’equipollenza al corrispettivo titolo italiano. L’assenza di questo documento rende il titolo non valutabile.

  • Altre esperienze di studio, ricerca e lavoro, purché certificate dall’Istituzione in cui sono state svolte e purchè strettamente connesse alla laurea magistrale conseguita e/o all’attività attuale e/o al progetto presentato. Per ciascuna esperienza va riportata la data di inizio (giorno/mese/anno) e la data di fine (giorno/mese/anno). Non saranno valutate le esperienze riportate senza questo parametro nella forma precisata.

  • Elenco delle pubblicazioni scientifiche in possesso del candidato, comparse su riviste “peer-reviewed”, indicizzate su PubMed. Non saranno presi in considerazione riassunti di presentazioni orali, o poster. Per ciascuno degli articoli citati va indicato l’h-index della rivista nell’anno della pubblicazione; a questo fine deve essere utilizzata l’ultima versione del programma Harzing’s Publish or Perish (http://www.harzing.com/resources/publish-or-perish), scegliendo come data source “Google Scholar”. Con la stessa metodica, per ogni capitolo di libro va riportato l’h-index del libro, relativo all’anno dell’edizione in cui il capitolo è comparso. Le pubblicazioni senza questo parametro non saranno prese in considerazione. Se, ad un controllo casuale di una voce bibliografica, dovesse risultare un h-index della rivista o del libro diverso da quello ottenibile tramite il programma citato, tutte le pubblicazioni riportate dal candidato non saranno prese in considerazione.

  • Evitare di aggiungere ulteriori voci curriculari perché queste non saranno valutate.

Al termine della medesima autocertificazione, il candidato dovrà indicare l’istituzione dove intende svolgere la sua ricerca ed allegare un attestato, rilasciato dalla medesima istituzione, nel quale si dichiara l’accettazione del candidato per l’attuazione del progetto e il tutor che lo seguirà, indicandone Nome e Cognome e riportandone l’h-index. Se il candidato parteciperà al progetto in gruppo con altri ricercatori, il tutor dovrà precisare, in apposita dichiarazione, il ruolo che il candidato medesimo svolgerà all’interno del gruppo di ricerca; inoltre, il tutor dovrà dichiarare che il progetto non è finanziato da istituzioni profit e che egli stesso non ricopre alcun incarico, in qualsiasi forma a qualsiasi titolo, all’interno di istituzioni profit. L’assenza di questa dichiarazione da parte del tutor esclude il progetto dalla valutazione finale.

L’autocertificazione, redatta dal candidato, dovrà essere elaborata con Word 2000 o successive versioni, in lingua italiana. Il candidato dovrà firmare il documento stampato, quindi dovrà acquisirlo tramite scanner e salvarlo in formato PDF.

3. Autorizzazione alla gestione dei dati personali: il candidato dovrà rimettere debitamente firmata copia dell’autorizzazione alla gestione dei dati personali, scaricabile in questa sezione del sito, sottoforma di file PDF.



Procedura per la sottomissione della domanda:

Ciascun candidato deve inviare i file PDF così denominati: “Cognome_Progetto”, “Cognome_Autocertificazione” e “Cognome_Autorizzazione alla gestione dati personali” in tre e-mail separate senza testo, scrivendo nell’oggetto, rispettivamente, “Cognome_Progetto”, “Cognome_Autocertificazione”, “Cognome_Autorizzazione alla gestione dati personali”, all’indirizzo elettronico dell’Associazione (info@damianoperlematologia.it), entro le 24:00 del 31 Ottobre 2017, avendo cura di attivare la “conferma lettura”. Il file “Cognome_Progetto” sarà acquisito e rinominato nell’archivio elettronico dell’Associazione con un numero progressivo secondo la data e l’ora di arrivo ed in questa forma sarà inviato al Comitato Scientifico. Tutte le successive comunicazioni fra i candidati e l’Associazione avverranno all’indirizzo di posta elettronica dell’ Associazione.




Procedura per l’assegnazione della borsa di studio

  1. I progetti saranno esaminati secondo il Regolamento del Comitato Scientifico pubblicato sul sito ufficiale dell’Associazione nella sezione “Comitato Scientifico”.

  2. L’invio dei progetti agli esaminatori avverrà in forma anonima secondo i principi della revisione paritetica doppio cieco, ma sarà comunicato sul sito nella sezione “bandi e concorsi” (www.damianoperlematologia.it/dblog/storico.asp?s=Bandi+e+concorsi ) sia il numero dei progetti pervenuti sia l’avvenuto invio degli stessi agli esaminatori del Comitato Scientifico.

  3. I risultati degli esaminatori saranno pubblicati nella stessa sezione del sito ufficiale dell’Associazione appena i Soci Fondatori potranno prenderne visione.

  4. La graduatoria finale sarà stilata soltanto dopo aver scaricato dalla casella di posta elettronica nell’archivio dell’Associazione gli altri due file in formato PDF, la cui sequenza numerica sarà compilata con lo stesso criterio adottato per numerare i progetti. Tutto questo materiale sarà conservato negli archivi elettronici dell’Associazione per un tempo massimo di 30 giorni dalla dichiarazione del vincitore.

  5. I Soci Fondatori, in collaborazione con il Comitato Scientifico e, all’occorrenza, con un esperto amministrativista, valuteranno il curriculum formativo di ciascun autore e l’adeguatezza della struttura in cui sarà svolta la ricerca secondo il seguente schema:

  • Età alla laurea magistrale: ≤ 26 anni = 2 punti, > 26 anni = 0 punti;

  • Titoli: laurea triennale non preliminare al conseguimento della laurea magistrale 0.5 punti, altrimenti 0 punti; specializzazione e/o dottorato di ricerca nella disciplina o in disciplina equipollente o affine (DM 31/01/1998 e s.m.i.) in cui si colloca il progetto o, per i medici di medicina generale, il relativo attestato di formazione 1 punto. Specializzazione e/o dottorato di ricerca conseguiti in disciplina diversa ma della stessa area, oppure in disciplina di area diversa o, per i medici di medicina generale, senza attestato di formazione 0 punti;

  • Altre esperienze di studio, ricerca e lavoro: computo cumulativo dei periodi dichiarati espresso in anni, esclusione delle frazioni di anno < 10 mesi, esclusione delle frazioni di mese < 15 giorni, esclusione dal conteggio delle esperienze svolte per il conseguimento del diploma di scuola media superiore, della laurea triennale o magistrale, di una o più specializzazioni, di uno o più dottorati di ricerca. Saranno, invece, computati i periodi già svolti per un titolo di studio ancora non conseguito. Le frazioni di anno > 10 mesi e di mese > 15 giorni saranno arrotondate, rispettivamente, ad 1 anno e ad 1 mese. Per ogni anno cumulato saranno assegnati 0.3 punti.

  • Pubblicazioni: per h-index della rivista > 10 1 punto per ciascun articolo o capitolo, altrimenti 0 punti.

  • Adeguatezza della struttura: se lo studio sarà svolto presso una struttura appartenente ad un’istituzione universitaria classificata nel ranking QS 2017, per corpo insegnante in Scienze della Vita e Medicina (http://www.topuniversities.com/faculty-rankings) 5 punti, altrimenti 0 punti. Le strutture non universitarie citate nel ranking Scimago (http://www.scimagoir.com/, 5 punti, altrimenti 0 punti.

  1. Il punteggio finale di ciascun progetto deriverà dalla somma del punteggio conseguito in base alle valutazioni del Comitato Scientifico, del curriculum del suo autore e dell’adeguatezza della struttura in cui il candidato intende svolgere lo studio. La graduatoria finale sarà pubblicata sul sito dell’Associazione. Non saranno rese note le generalità degli autori dei progetti, ad eccezione del vincitore, di cui saranno riportati anche il testo integrale del progetto, il giudizio sintetico del Comitato Scientifico, il punteggio curriculare, l’istituzione in cui svolgerà il lavoro e il tutor che ne seguirà la ricerca.

  2. Nell’eventualità che la graduatoria finale preveda due o più vincitori con identico punteggio prevarrà il candidato autore del progetto con valutazione di merito più alta, e se ancora in parità, il candidato con punteggio curriculare più alto e se ancora in parità l’autore con minore età. Nel caso che partecipi al concorso un solo candidato, per ottenere la borsa di studio, il punteggio del progetto deve essere > 30, il punteggio curriculare > 6 e lo studio deve essere condotto in una struttura con punteggio 5.

  3. L’Associazione comunicherà al vincitore la scelta operata via e-mail.

  4. Gli esclusi hanno diritto a ricorrere contro la graduatoria entro 3 giorni dalla pubblicazione della stessa, inviando una nota via e-mail alla casella di posta elettronica dell’Associazione, specificando nei minimi particolari i motivi del ricorso con relativa documentazione. Sarà compito dei Soci Fondatori e del Comitato Scientifico valutare se accogliere o meno il ricorso. Nel caso in cui ritengano fondati i motivi del ricorrente, gli stessi prenderanno i provvedimenti che riterranno necessari, fino alla riformulazione della graduatoria, entro 7 giorni dal ricevimento del ricorso. In caso di rigetto, ne verrà fatta comunicazione scritta e motivata all’interessato.

  5. Dopo questo periodo di ulteriori 10 giorni, successivi alla pubblicazione della graduatoria finale, sarà ufficialmente proclamato il vincitore del concorso tramite comunicazione sul sito ufficiale dell’Associazione.



Procedura per l’erogazione della borsa di studio:

  1. La somma totale sarà al lordo delle trattenute di legge e sarà versata entro l’ultimo giorno di ogni mese a cominciare da Gennaio 2018. E’ obbligo del vincitore comunicare all’associazione via e-mail le coordinate bancarie per il relativo accredito.

  2. Il quinto giorno che precede la fine di ogni mese, a cominciare da Gennaio 2018, il vincitore dovrà presentare una dettagliata relazione sullo stato di avanzamento del lavoro, firmata dall’interessato e controfirmata dal suo tutor, scritta in formato elettronico, convertita in file PDF e inviata all’indirizzo di posta elettronica dell’Associazione. Questo documento è vincolante per l’erogazione dell’assegno del mese corrispondente e non saranno accettate motivazioni di alcun genere per giustificarne la mancanza. Le rate mensili non erogate per questo motivo non potranno essere reclamate, neanche dopo la scadenza del periodo di validità della borsa di studio.

  3. L’ultima rata della borsa di studio sarà accreditata solo dopo la consegna, oltre che dello stato di avanzamento della ricerca, di una relazione finale riassuntiva del lavoro svolto, redatta con linguaggio piano e misuratamente tecnico, accompagnata da un elenco delle pubblicazioni scientifiche e non, già stampate o accettate per la pubblicazione, che utilizzano dati derivati dal progetto finanziato. In questo caso la citazione della pubblicazione va eseguita secondo le linee guida APA (www.easybib.com/reference).

  4. I pagamenti delle rate mensili saranno sospesi se anche una sola delle condizioni sottoscritte nell’accedere al concorso non ricorrano più, né l’avente diritto potrà reclamare le somme, in questo caso non riscosse, dopo la scadenza annuale della medesima borsa di studio. Sarà dovere dell’interessato comunicare tempestivamente all’Associazione via e-mail i cambiamenti della sua posizione rispetto al progetto e/o alle condizioni precedentemente comunicate e accettate e sarà compito dell’Associazione vigilare sull’osservanza dell’intera procedura di erogazione.

  5. Tutte le disposizioni dal punto a) al punto d) della presente procedura saranno riportate in un documento che il candidato vincitore dovrà sottoscrivere in occasione della cerimonia di consegna della borsa di studio e sarà vincolante, anche da un punto di vista legale, sia per il candidato vincitore che per l’Associazione.


Chiunque volesse avere chiarimenti sul concorso deve inviare uno o più quesiti specifici, posti in modo chiaro e pertinente, esclusivamente all’indirizzo di posta elettronica dell’Associazione (info@damianoperlematologia.it). Non saranno date informazioni per via telefonica.

 
Meno pensiamo agli altri e meno facciamo qualcosa per loro, più perdiamo una delle maggiori sorgenti della felicità
(Ray Lyman Wilbur)
FOTO DEL GIORNO
Immagine
 Struttura reologica di un capillare... di Moreno

COMITATO SCIENTIFICO
DONAZIONI

ARTICOLI E NOVITA'
[+]  Bandi e concorsi (23)
[+]  Favole (3)
[+]  I nostri articoli (4)
[+]  I vostri articoli (2)
[+]  Iniziative (19)
[+]  Lettere (3)
[+]  News scientifiche (1)
[+]  Normativa (5)
[+]  Poesie (2)
[+]  Racconti (1)
[+]  Recensioni (1)
[+]  Riconoscimenti (1)
[+]  Saggi (5)
[+]  Stampa (1)
[+]  Video lezioni (4)

Catalogati per mese:
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018

Gli interventi più cliccati
GALLERY
Disegni (4)
Ematologia (16)
Natura (7)
Saluti da... (22)
Vita Associativa (15)

Le fotografie più cliccate
CALENDARIO
< febbraio 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
       
             
RICERCA
Cerca negli articoli
 
SONDAGGIO
Ti piace questo sito?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Non mi piace
22/02/2018 @ 17:09:20
script eseguito in 79 ms
UTENTI ON-LINE
Ci sono 2149 persone collegate