Home > Poesie:

Poesie


Filemone e Bauci
da Moreno (del 17/03/2012 @ 20:08:37, in Poesie, linkato 2919 volte)
C’è una quercia vicina ad un tiglio
sulle colline di Frigia, circondata da un piccolo muro;
io stesso ho visto quel luogo quando Pitteo mi mandò
nelle terre di Pelope sulle quali una volta aveva regnato suo padre.
Lì vicino c’è una laguna, un tempo terra abitata,
ora acque per smergi e folaghe palustri.
Un giorno qui giunse Giove sotto sembianze mortali
e con lui l’Atlantide caducifero senza le ali.
A mille case bussarono in quel luogo chiedendo un po’ di riposo,
mille case si chiusero con il chiavistello; solo una li accolse,
piccola, coperta da un tetto di paglia e canne palustri,
ma la devota vecchia Bauci e Filemone suo coetaneo
erano lì congiunti fin dalla giovane età, lì
si erano invecchiati e lì avevano alleviato
la povertà sopportandola e conservando un animo giusto.
Era vano cercare padroni o servi;
in tutta la casa erano solo loro due a comandare e a ubbidire.
Quindi allorché gli dei giunsero a quella piccola casa
e a capo chino varcarono l’umile soglia,
il vecchio li invitò a riposare le membra porgendo loro una panca;
su questa Bauci pose una rozza coperta
poi smosse una languida cenere, ravvivò
il fuoco del giorno prima, lo alimentò con foglie e cortecce rinsecchite,
alzò la fiamma con il flebile soffio di una vecchia,
portò giù dal solaio legna recisa e rami secchi,
li spezzò e li accostò ad una minuscola caldaia di rame,
poi tolse le foglie ai legumi che il marito aveva raccolto nell’orto ben irrigato;
lui con una forca bicorne spiccò da una nera trave una lurida cotenna di maiale
e da questa a lungo conservata tagliò un pezzo sottile e la mise nell’acqua bollente.
Ingannarono il tempo conversando,
ed impedirono che si avvertisse l’attesa. C’era lì una tinozza di faggio
appesa ad un chiodo tramite un’ansa ricurva.
Questa fu riempita con acqua tiepida e vi si immersero le membra
dei due viandanti per riscaldarle.
Poi batterono un materasso di molle erba palustre
sistemato su un letto con sponde e piedi di salice.
Lo ricoprirono con coperte che erano soliti stendere soltanto nei giorni di festa,
erano coperte senza alcun valore e vecchie, degne di un letto di salice.
Gli dei si sdraiarono. La vecchia apparecchiò con le vesti alzate alla cintola
e tremante, ma uno dei tre piedi del tavolo era più corto:
lo rese pari con un pezzo di coccio, dopo averlo messo sotto al piede
eliminò l’inclinazione, poi pulì il tavolo con foglie di menta.
Vi pose sopra bacche di Minerva bicolori,
corniole autunnali in feccia di vino liquida,
indivia, radicchio, un ammasso informe di latte rappreso
e uova passate un poco sulla brace non ardente,
tutto in vasi di argilla. Dopo di ciò fu portato in tavola
un cratere cesellato in argento e bicchieri di faggio
scavato, unti con cera color oro;
poco dopo portarono in tavola le calde vivande,
fu versato di nuovo vino non certo da tempo invecchiato,
poi fecero un piccolo spazio per portare sulla mensa la frutta:
ed ecco noci, datteri raggrinziti della Carnia,
prugne e mele odorose in capienti canestri
e uva raccolta in tralci purpurei,
ed in mezzo un favo di miele; ma soprattutto
portarono i volti gentili ed una deferenza non formale né meschina.
Nel mentre videro che il cratere svuotato si riempiva altrettante volte
spontaneamente e videro il vino crescere ogni volta da solo:
sbigottiti dal prodigio ebbero paura e con le mani levate al cielo
Bauci e il timoroso Filemone profferirono alcune preghiere
chiedendo di essere perdonati per la povertà della mensa.
A guardia della piccola cascina era lì un’oca,
che i padroni volevano immolare ai divini ospiti;
ma quella celere penna stancò i due vecchi per l’età,
li schivò più volte fino a quando la videro rifugiarsi
proprio vicino ai due Dei: ma costoro vietarono di ucciderla.
<< Noi siamo divinità, ed i vostri empi vicini avranno le loro meritate
pene>> dissero; << a voi è concesso di non essere colpiti
da questi mali; soltanto lasciate la vostra dimora,
seguite i nostri passi e salite insieme sull’erto colle>>.
I due obbedirono e appoggiandosi ai bastoni
si sforzarono di porre i piedi sulla lunga salita.
Erano giunti ad un tiro di freccia dalla vetta:
voltarono lo sguardo in dietro e videro che tutto
era stato sommerso da una palude tranne la loro casupola,
e mentre guardavano e piangevano quei tristi destini,
la vecchia casetta piccola anche per i suoi due padroni
si trasformò in un tempio: le colonne sostituirono i puntelli,
la paglia si fece gialla e videro il tetto diventare d’oro
le porte ornate di fregi e il suolo ricoperto di marmo.
Allora il figlio di Saturno con placida voce disse:
<<un così giusto coniuge, dite ciò che desiderate>>. Filemone dopo aver parlato
brevemente con Bauci espresse agli Dei il loro desiderio:
<<poter essere sacerdoti e custodi del vostro tempio
e poiché abbiamo vissuto gli anni della nostra vita insieme
poter morire insieme in modo che io non veda mai
la tomba della mia consorte, né che io debba essere sepolto da lei>>.
E il desiderio fu esaudito: furono custodi del tempio
finchè gli fu concesso di vivere; piegati dagli anni e dall’età
mentre stavano seduti sui sacri gradini del tempio
rammentando la storia di quel luogo, Bauci vide Filemone ricoprirsi di fronde
e il vecchio Filemone vide Bauci ricoprirsi di foglie
e mentre sopra i loro volti cresceva la cima fino all’ultimo istante
si rivolsero mutue parole <<addio>>
dissero simultaneamente e simultaneamente la corteccia
coprì i loro volti e li fece scomparire per sempre:
ancora oggi gli abitanti di Tinia mostrano
i tronchi vicini nati dai loro corpi.
 
 
 
 
 
 
 
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
I commenti sono disabilitati.
La morte di un bambino è l'evento singolo più traumatico della medicina. Perdere un bambino è perdere parte di sè stessi.
(Dr. Burton Grebin)
FOTO DEL GIORNO
Immagine
 Casa comunale costruita dalla ditta realizzatrice della linea ferroviaria oggi al piano terra sede d... di Admin

COMITATO SCIENTIFICO
DONAZIONI

ARTICOLI E NOVITA'
[+]  Bandi e concorsi (29)
[+]  Favole (3)
[+]  I nostri articoli (4)
[+]  I vostri articoli (2)
[+]  Iniziative (19)
[+]  Lettere (3)
[+]  News scientifiche (1)
[+]  Normativa (5)
[+]  Poesie (2)
[+]  Racconti (1)
[+]  Recensioni (1)
[+]  Riconoscimenti (1)
[+]  Saggi (5)
[+]  Stampa (1)
[+]  Video lezioni (4)

Catalogati per mese:
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018

Gli interventi più cliccati
GALLERY
Disegni (4)
Ematologia (16)
Natura (7)
Saluti da... (22)
Vita Associativa (15)

Le fotografie più cliccate
CALENDARIO
< novembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             
RICERCA
Cerca negli articoli
 
SONDAGGIO
Ti piace questo sito?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Non mi piace
13/11/2018 @ 17:46:01
script eseguito in 94 ms
UTENTI ON-LINE
Ci sono 1482 persone collegate