Home > Favole:

Favole


Impara a volare
da Admin (del 10/04/2013 @ 10:34:17, in Favole, linkato 2816 volte)

Alex, un bambino di circa dieci anni guarda fuori dalla finestra della sua cameretta, verso il cielo, il sole è alto e nell’aria si sente già profumo di primavera, l’aria è fresca e pulita. Alex appoggia i gomiti sul davanzale della finestra aperta e con le mani si tiene il mento mentre sogna ad occhi aperti… Il suo sguardo è perso nel vuoto, rincorre pensieri che volano lontano, molto lontano…
”Che cosa stai facendo?” Le parole della sorellina lo riportano bruscamente alla realtà.
”Stavo guardando gli uccelli volare, sai a me piacerebbe molto imparare a volare, ma… credo che sia difficile, voglio dire per noi umani.”
Alex si gira verso la sorella e si accorge che lei aveva già rovesciato sul tappeto tutte le tessere di un puzzle.”
Invece tu.. cosa stai combinando? Perché hai fatto questo macello in camera mia?” La sorellina lentamente inizia a dividere le tessere per colore.
“ Ho voglia di fare questo puzzle, posso farcela da sola ma se vuoi puoi aiutarmi così finisco prima e tolgo il disturbo più in fretta.” Alex si siede in terra vicino alla sorella e inizia a prendere una tessera in mano “
Io non avrei tanta voglia di fare questo puzzle, e poi che cosa rappresenta? Dove è il disegno che deve venire fuori?”
“Non lo so, la sua scatola si era rotta e il disegno guida non c’è più.”
“E adesso come facciamo a comporre un puzzle di duecentocinquanta tessere senza seguire il disegno di base?” Chiede Alex alla sorella.
“Beh, sarà un po’ più difficile ma vedrai che alla fine ci riusciremo, intanto possiamo cominciare ad assemblare il contorno, aiutami a trovare le tessere che hanno un lato dritto. A proposito cosa stavi dicendo quando guardavi fuori dalla finestra?”
“Stavo pensando che sarebbe molto bello se anche gli uomini potessero volare”
“Ma certo che possono volare hanno già inventato gli aereoplani, gli elicotteri, alianti,mongolfiere... E se ti piace tanto volare puoi sempre fare da grande il pilota, così sarai contento!”
“No, non voglio volare con un mezzo di trasporto, voglio volare come fanno gli uccelli, aprire le braccia e spiccare il volo.”
“Beh in questo caso tutto è più complicato, ma non impossibile. Vedi? E’ come fare il puzzle senza disegno da seguire, sì sono sicura che alla fine ci riuscirai”. Alex si avvicina alla sorella e le dà un bacio sulla fronte “Grazie della stima che hai di me, mi fai molto coraggio ma temo che la mia impresa sia troppo difficile, sai ne ho parlato anche con la mamma ma non credo che mi abbia preso sul serio, si è messa quasi a ridere quando le ho detto che volevo volare, sai gli adulti non sanno vedere il mondo con occhi diversi, ti dicono che la natura non ci ha forniti di ali e il nostro corpo è troppo pesante per poter volare da soli, che noi siamo animali dotati di grande intelligenza e percio’ ci siamo costruiti dei mezzi per volare. Tu invece con gli occhi da bambina mi rincuori dicendomi che prima o poi riuscirò nella mia impresa.”
“Guarda Alex un pezzo del puzzle lo abbiamo già incastrato, vedi che poi non è così difficile? Secondo me devi prima di tutto credere in quello che vuoi realizzare, devi assolutamente sentirlo dentro di te che ce la puoi fare, e poi non farti mai scoraggiare da chi ti dice che non ce la farai mai, non darti per vinto ma combatti fini alla fine , inoltre non sentirti mai solo, c’e’ sempre qualcuno che e’ disposto ad aiutarti, afferra saldamente la sua mano ogni volta che ne hai bisogno.”
“Grazie sorellina dei tuoi preziosi consigli, adesso mi sento più sollevato ma… come si fa... a volare ?” Così dicendo, tra un pensiero e l’altro Alex attacca un pezzo del puzzle a quello di Gaia.
“Vedi Alex, stiamo formando il disegno insieme, piano piano tutte le tessere avranno il loro giusto spazio, se ne prendi una da sola non ti dice niente, sembrano addirittura tutte uguali, ma sono tutte diverse e puoi metterla solo al posto giusto non ti puoi sbagliare, ma se ne manca anche una sola il disegno non viene fuori, vedi? Forse la forza degli uomini è come un puzzle, un uomo da solo non è utile a nessuno, ma tanti uomini insieme possono formare una potentissima forza.”
“Hai perfettamente ragione ma come faccio a volare?”
“Ragioniamoci un attimo intanto che questo misterioso disegno prende forma…” Dice la piccola Gaia al fratello. “Tu vuoi volare ma tutti ti dicono che è una impresa impossibile, ma per volare bisogna essere leggeri, come gli uccelli… Che cosa ti fa sentire leggero, Alex? Sai adesso che ci penso bene a volte mi sento così contenta che mi sembra di poter volare, ti è mai capitato? Anche tu hai provato questa strana sensazione, Alex?”
Alex inserisce un altro piccolo pezzo di puzzle a quello di Gaia e risponde sorridendo, ”Si, è vero a volte mi è capitato… Ma certo! Hai ragione tu…e sai quando? Quella volta che per strada ho regalato una calda coperta di lana ad un poveraccio senza tetto, mi ha fatto tanta pena quell’uomo che dormiva su una panchina del parco con quel freddo coperto solo di cartoni, che ho sentito il desiderio di aiutarlo. Quando gli ho tolto i cartoni di dosso per avvolgerlo nella calda coperta, lui si è svegliato e non dimenticherò mai il suo sguardo pieno di gratitudine per il mio semplice gesto. Gia’ in quel preciso momento ero talmente contento che ho volato ma non me ne sono accorto. Hai ragione tu, per volare bisogna essere leggeri e per essere leggeri bisogna essere altruisti, generosi verso coloro che sono meno fortunati di noi. Grazie sorellina mia, hai fatto più te con i tuoi occhi pieni di semplicita’ che tutti gli adulti messi in sieme.” Alex si avvicina di nuovo alla sorella e l’abbraccia calorosamente. “Adesso anche questo puzzle sata prendendo forma, il contorno e buona parte del disegno lo abbiamo formato ma mancano ancora alcune tessere centrali, solo che non vorrei che si fossero perse… non le vedo qui sul tappeto, dove sono finite? Se non ci sono dovrò buttare via tutto il puzzle, a cosa serve se mancano le tessere? Alex e Gaia cercano le tessere sul tappeto, sotto il letto, sotto la scrivania, dietro il comodino, niente. La voce della mamma interrompe la loro ricerca,
”Ragazzi, venite! La cena è pronta”
“Si… adesso arriviamo un attimo solo.” Il cane grande amico dei due fratellini aveva trascorso tutto il pomeriggio accanto a loro due sdraiato anche lui sul tappeto sonnecchiando, udita la voce della mamma si alza, si sgrulla come fanno tutti i cani quando si svegliano, per dirigersi in cucina fiutando con il naso. Proprio lì sotto, dove aveva dormito il cane tutto il pomeroggio, Alex e Gaia trovano le tessere che mancano. “Eccole, guarda dove erano andalte a finire, presto finiamo il puzzle e poi andiamo a cena.”
“Si, a questo punto credo che anche Billy voleva aiutarci a fare il puzzle.” Dice la piccola Gaia. I due fratellini lasciano la stanza per andare a mangiare tenendosi per mano allegramente. Alex sorride alla mamma contento, “Sai mamma siamo riusciti a fare un puzzle bellissimo, è stato difficile perche’ non avevamo più il disegno da segure ma insieme ce l’abbiamo fatta. E soprattutto sono felice perché Gaia mi ha… Insegnato a… volare.”
Nella cameretta di Alex, sul tappeto tutte le tessere erano al loro posto, il duro lavoro era stato terminato, ora al centro del tappeto si poteva vedere il disegno del puzzle, un fondo blù mette in risalto una scatola bianca con il fiocco verde ed il coperchio leggermente sollevato dal quale esce una piccola goccia rossa. Al centro della scatola delle lettere scritte con la calligrafia di un bambino D p E.

Silvia Ghione

Gennaio 2012


Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
I commenti sono disabilitati.
Il tempo è un'erba che cura tutte le malattie.
(Benjamin Franklin)
FOTO DEL GIORNO
Immagine
 Toronto, Clarence Square, Front Street West e Spadina Avenue... di Admin

COMITATO SCIENTIFICO
DONAZIONI

ARTICOLI E NOVITA'
[+]  Bandi e concorsi (29)
[+]  Favole (3)
[+]  I nostri articoli (4)
[+]  I vostri articoli (2)
[+]  Iniziative (19)
[+]  Lettere (3)
[+]  News scientifiche (1)
[+]  Normativa (5)
[+]  Poesie (2)
[+]  Racconti (1)
[+]  Recensioni (1)
[+]  Riconoscimenti (1)
[+]  Saggi (5)
[+]  Stampa (1)
[+]  Video lezioni (4)

Catalogati per mese:
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018

Gli interventi più cliccati
GALLERY
Disegni (4)
Ematologia (16)
Natura (7)
Saluti da... (22)
Vita Associativa (15)

Le fotografie più cliccate
CALENDARIO
< novembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             
RICERCA
Cerca negli articoli
 
SONDAGGIO
Ti piace questo sito?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Non mi piace
19/11/2018 @ 19:23:30
script eseguito in 73 ms
UTENTI ON-LINE
Ci sono 1114 persone collegate